LE COSTITUZIONI

DI SAN ANTONIO MARIA ZACCARIA


IC. XC. +


Nel nome di Dio incominciano le Costituzioni dei Figlioli di San Paolo Apostolo, con le Addizioni convenienti, (= aggiunte corrispondenti) alle loro Regole.


PROEMIO

Non vogliamo che alcuno dei nostri Fratelli sia obbligato sotto pena di peccato mortale o anche veniale, per la trasgressione di alcuna delle cose che qui sotto si diranno, eccetto colui che trapassasse (= trasgredisse) i tre Voti e i Precetti di Dio, della legge naturale o canonica. Ed a pena alcuna nessuno sia obbligato, se non [colui] al quale sarà tassata.


CAPITOLO I : DELL'UFFICIO DELLA CHIESA

CAPITOLO II : DEI TRE VOTI E ANZITUTTO DELL'OBBEDIENZA

CAPITOLO III : DELLA CASTITÀ

CAPITOLO IV : DELLA POVERTÀ

CAPITOLO V : DEL DIGIUNO E DEL CIBO

CAPITOLO VI : DEGLI INFERMI

CAPITOLO VII : DEI VIANDANTI E DEI FORESTIERI

CAPITOLO VIII : DELLO STUDIO

CAPITOLO IX : DELLA COLLAZIONE

CAPITOLO X : DELL'ORAZIONE

CAPITOLO XI : DI QUELLI CHE SI RICEVERANNO

CAPITOLO XII : DEI NOVIZI E DELLA LORO ISTRUZIONE

CAPITOLO XIII : DEL DIRE E FARE VOLONTARIAMENTE LE PROPRIE COLPE

CAPITOLO XIV : DELLE PENE E DEL CORRETTORE DEI DISCRETI

CAPITOLO XV : DELL'ELEZIONE DEGLI OFFICIALI

CAPITOLO XVI : DELLA MUTAZIONE, ADDIZIONE OVVERO DIMINUZIONE DELLE COSTITUZIONI

CAPITOLO XVII : DEI SEGNI DELLA ROVINA DEI COSTUMI

CAPITOLO XVIII : QUALITÀ DEL RIFORMATORE DEI BUONI COSTUMI E QUALI COADIUTORI DEBBA ELEGGERSI O NON RITROVANDONE FARSENE DEI NUOVI

CAPITOLO XIX : DEI VISITATORI


Amen

Deo Gratias Jesu Mariae

Le Costituzioni di Samz